Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2010. Li fijji a pposticcio

 

«E ffarai bbene: l’accattà, ssorella,
è er piú mmejjo mistiere che sse dii».
«Nun ciò fijji però, ssora Sabbella».
«Bbe’, tte n’affitto un paro de li mii!».

 

«E ccosa protennete che vve dii
«Un gross’a ttester giorno». «Cacarella!
Me pare de trattà cco li ggiudii!».
«Maa, cco cquelli nun zei piú ppoverella!

 

C’è er maschio poi che ttanto curre e incoccia,
e ppiaggne, e ffiotta, e ppivola cor naso,
che jje li strappa for de la saccoccia».

 

«E a cche ora li lasso?» «A un’or’ de notte».
«E ssi ppoi nun lavoreno?» «In sto caso
te l’imbriaco tutt’e ddua de bbòtte».

 

14 maggio 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License