Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2012. Nove bbèstie nòve

 

Curre vosce ch’er Prencipe Turlòni
abbi fatto viení nnove camei,1


che ddisce che ssò ccerti animaloni
de l’antichi paesi de l’Abbrei.

 

Disce ch’er Papa j’abbi detto: «E llei
che sse ne fa di quelli accidentoni?».
Disce: «Tre l’arivenno, e llantri sei
li manno a straportà ccarcia e mmattoni».

 

Disce: «Ma ccome! nnun ci ccavalli,
muli, somari, sor Prencipe mio,
d’addopralli in ste cose, d’addopralli

 

«Oh, Ppadre Santo, sce ne di scèrto»,
disce che llantro arrepricò, «ma Iddio
li camèi2 pe bbazzicà ir deserto».

 

15 maggio 1843

 




1 Cammelli.

2 Pongasi qui l’accento enfatico sulla e di camèi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License