Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

55. L’impiccato

 

Pe vvia de quella miggnottaccia porca
che sse fa sbatte1 dar Cacamme in Ghetto;
e, vvàjjelo a cercà2 ccor moccoletto,
nun tiè piú mmanco un pelo in ne la sorca;

 

che ppare, Iddio ne guardi, si sse3 corca
un cadavero drento ar cataletto;
ecco cqui, ss’ha da vede4 un poveretto
finí li ggiorni sui sopr’una forca!

 

Però bbeato lui che ffa sta morte!
Perché, mettemo caso5 abbi peccati,
è ppellanima sua propio una sorte.

 

De millanta affogati quarchiduno
se ssarvà: ma de scento impiccati
ammalappena se n’addanna uno.

 

Roma, 14 settembre 1830 - De Pepper tosto

 

 




1 Si fa godere.

2 Va’ a cercarglielo.

3 Se si.

4 Vedere.

5 Supponghiamo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License