Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2016. Er naso

 

Bbevi, bbevi, se sa,1 ffussi2 un colosso
ch’è un colosso, èssi puro apperzuaso,3
Pio mio, ch’er primo pidiscello ar naso
va in cancherena, e nnun ze sarta er fosso.

 

Guarda Meo: cominciò ccor naso rosso,
poi je se fesce lustro com’un raso,
ccià una bbella piaga, e nun c’è ccaso
che sse la possi scaroggní da dosso.4

 

Voantri ggiuvenotti ve fidate
che la gajjardaría c’avete adesso
ve sarvi da le vostre bbuggiarate.

 

Eppoi ecco llí er Papa: a ttempantico
s’allusingava puro lui l’istesso,5
e ’r6 naso jj’è ddiventato un fico.

 

23 maggio 1843

 




1 Si sa.

2 Fosse ancora.

3 Sii pure persuaso.

4 Che se la possa togliere, cacciar via, ecc.

5 Pure egli egualmente.

6 E il.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License