Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2022. Er cammerata de li Siggnori

 

E ttu pparli co mmé dde li Siggnori?!
co mmé cche cce fo vvita tutto l’anno?
co mmé cche ll’ho oggnisempre ar mi’ commanno?
co mmé cche li conosco drent’e ffori?

 

Fijjo, io so le gattacce indove vanno,
li nomi de li loro creditori,
le panchiane c’affibbieno, l’onori
c’arrubbeno, le trappole che ffanno...

 

Bast’a ddí ccoggni ggiorno che ffa Iddio
sto ccor Conte, e cce sto ccor mi’ decoro,
ché indove che vva llui sce vado io.

 

E cquann’hanno rïarto, Madalena,
me vederessi sempre llí cco lloro
ne la stanzia der pranzo o dde la scena.

 

29 luglio 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License