Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2024. L’arisoluzzione

 

Oh ttu ccanta! ssorda, sora Bbona.
Fiato spregato, via, parole ar vento.
Quietateve, o vvappoggio er comprimento
de piantavve cqui ccome una minchiona.

 

È inutile: ciò ffatto er giuramento:
avessi da impeggnamme la corona,
quell’assassino e cquella su’ puzzona
ciànno da stà: li vojjo vede drento.

 

Che! mm’ha ppijjat’a ggode er zor Giuanni?
E abbozza, e sserra un occhio, e ffa’ la ssciota...
Voressivo c’aspetti che mme scanni?

 

E cche ccosa se penza sto stivale?
Ar fin de fine j’ho pportat’in dota
trenta bbelli piastroni sur zinale.

 

agosto 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License