Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2026. Sentite che ggnacchera

 

Io me ne vado dunque in Dataria.
Me presento a un abbate: «Abbia pascenza»,
dico, «voría durighe de liscenza
pe sposà mmicuggina Annamaria».

 

Disce: «Fijjolo, si chiama dispenza».
«Basta», dico, «sia un po’ cquer che sse sia...».
Disce: «E ir zuo nome?». Dico: «Er mio? Tobbia».
«E ir casato com’è?» «Schiatti, Eccellenza».

 

«Ggià llei», disce, «lo sa: ppe li cuggini
ci sseiscentonovantotto scudi,
quarantasei bbajocchi e ttre cquadrini».

 

Figuret’io come me fesce in faccia!
Io credevo tre ggiuli iggnud’e ccrudi
com’er permesso per fuscil da caccia.

 

6 agosto 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License