Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2027. L’accordi

 

A ssei ora tu ppiantete ar cantone
der drughiere llà in faccia; e ccrede puro
che ggnisuno te scopre de sicuro
pe vvia che cce l’ombra der lampione.

 

Ammalappena poi dorme er padrone
io traopro un spirajjo de lo scuro.
Tu vva’ allora a la larga, e mmuro-muro
scivola adasciadascio in ner portone.

 

Ma abbada, veh, nnun vení ssú, Ppasquale,
infino che nun zenti er zeggno mio.
Quann’io raschio tu appizza pe le scale.

 

Fa’ cquattro capi, e ar resto ce penz’io:
entramo... eppoi, se sa, cche cc’è de male?
Ce salutamo e cce discemo addio.

 

6 agosto 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License