Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2028. Le ficcanase

 

Cosa vedi, eh? cche ffa?... ddi’, scopri ggnente?
Traòpri un antro po’ cquelo sportello.
Che? cc’è un paino? indovèllo? indovèllo?
Mannaggia! nun ze vede un accidente.

 

Ecco, ecco, viè avanti: e cquant’è bbello!
Chi ddiavolo sarà?... Ma cche pparente!
Uh, vva’, vva’, lui je stuzzica un pennente...
Lei je ssu le deta er mazzarello...

 

Che ffiandra! e nnun ce fa l’innoscentina?
Sta ffresco er zor milordo! oh llui scià ddato!
Vederà llui si è ssemmola o ffarina!

 

S’è ccacciater cappello!... sse caccia...
Statte zzitta, nun ride... Uh!... cche ppeccato!
Ciànno serrata la finestra in faccia.

 

7 agosto 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License