Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2041. Er Papa a Ssan Pietro

 

Jeri er Papa fasceva, sor Chiappini,
la su’ visita ar Zanto Sagramento,
e sse ne stava llí ttutto contento
tramezz’a cquela frega de cusscini,

 

ma ggià da un’ora sce covava drento;
e cquelli sganganati papalini
se storceveno come bburattini
quanner ferretto j’è un po’ ttroppo sscento.

 

Arfine er Monziggnor Cirimoggnere
se fesce apposta sscivolà l’uffizzio
da puttanone vecchio der mistiere.

 

E er Papa? Sartò ssú, ppijjo l’abbriva,
e sse n’aggnede a ccasa a ppriscipizzio.
Azzeccatesce un po’? Bbravo: dormiva.

 

5 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License