Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2044. Er fijjo maschio

 

Bbe’? A li discorzi che mmó avemo intesi,
sorArtomira, sce nnòve bbone.
È vvienuto er maschietto eh sor Zimone?
Se vederà sti lanternoni accesi.

 

Viè, ccocco mio... Salute come pesi!
E cquesto cqui vvò ddiventà un Zanzone!
Ma davero che ppezzo de fijjone!
Nun pare una cratura de tre mmesi?

 

Guarda si cche ccapelli appena nato!
Senti che ccarne toste e scrocchiarelle!
Eh cquesto se ddí bbell’e allevato.

 

E ccome fissa! e ccome striggne! e ccome
succhia er deto! Ve scortica la pelle.
E sse chiama? Pasquale? Un gran ber nome!

 

8 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License