Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2046. Dar tett’in giú

 

«Parlanno co li debbiti arispetti,
dico, diteme un po’, ssete zitella?».
Disce: «Eh... ddar tett’in giú...». Dico: «Sorella,
perché mmarisponnete a ddenti stretti?».

 

E llei zzitta. «Ebbè», ddico, «sti rospetti
v’escheno fora o nnò, ccocca mia bbella?».
Disce: «Eh... dar tett’in giú...». Dico: «Sabbella,
fammer zervizzio, lassa stà li tetti».

 

Je volevo in zostanza a sta sciufeca
ccapí cch’io nun ero una cratura
da pijjamme una mojje a ggatta-sceca.

 

Ma, inzomma, nun ciò avuto antra risposta:
e sott’a sti su’ tetti ho ggran pavura
che cce sii quarche bbuggera niscosta.

 

9 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License