Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2050. Er trafichino ingroppato

 

È rricco assai. Ggià cquanno mòrze er zio
je lassò er gallinaro sano sano:
poi da vent’anni che ffa l’ortolano
n’ha impozzati, di’ ppuro, un buggerio.

 

E ssapessi si cquanto è rraffacano!
Pe stiracchià nnun ce la un giudio.
Quello è un ometto bbono, te dich’io,
d’avé un mijjaro o ddua ner canterano.

 

Lui dateje un bajocco ch’è un bajocco:
tanto lo svorta, lo stira, lo stenne,
che cce campa da ssin a ssan Rocco.

 

E arimistica, e imbrojja, e aricutina,
che ddovería stà mmosscio, a cquer che spenne,
e a ccasa sua c’è er latte de gallina.

 

9 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License