Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2053. Lo sscialacòre

 

Piano co sto spregà, Ppavolo mio:
specchiete cqua in ner zòscero de Nena.
Viggne, grotte, osteria, la casa piena
de tutte sorte de grazzia-de-ddio...

 

E mmó adesso? dimannelo a ttuzio:
sse commatte er pranzo co la scena.
cch’è vvecchio la sfanga ammalappena
co cquer búscio d’ortaccio in Borgo-Pio.

 

Pavolo, abbada: nun buttà un conzijjo.
Tu ssciupi troppo co ste porche caggne;
e cquesta è la ppiú ppena che me pijjo.

 

Fin che cc’è ggrasso te faranno sfraggne,
te sporperanno vivo; e ssí e nnò, ffijjo,
te lasseranno poi l’occhi pe ppiaggne.

 

9 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License