Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2054. Mastr’Andrea vedovo

 

Ripijjà mmojje tu?! Ddoppo le pene
diliggerite co cquelantra vacca?!
Dunque la tu’ pascenza nun è stracca
de pagà le tu’ corna a ppranzi e ccene?

 

Eppoi, ne l’età ttua, te sta mmó bbene,
cardèo mio bbello, de sposà una stacca?
Sai c’a cquesta je bbruscia la patacca,
e ttu ppoco ppiú ssangue hai ne le vene.

 

Ggiudizzio, mastr’Andrea: nun curre er risico
d’aribbuttatte in d’un inferno uperto
pe vvive disperato e mmorí ttisico.

 

Annà a impicciasse co rregazze un boccio!
Zzitto, nun t’inquietà: lo so de scerto
c’hai ggià vvotato er tu’ primo cartoccio.

 

9 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License