Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2055. La Mamma curiala

 

Perché ddunque sporche le funtane,
sor Presidente, cià cche ffà mmifijja?
Lei, Eccellenza, pijja un grancio, pijja,
e ffa mmale a ddà retta a le puttane.

 

S’ha da sentí ttutt’e ddua le campane
prima de ’no sfrescio a ’na famijja.
Quela santa però ssenza viggijja
forzi sce s’ha da mozzicà le mane.

 

Già, sta quarella è ttutto rosichino
che la mi’ fijja ha ttrovo a ffasse sposa,
e a llei je tocca de restà a ddentino.

 

Ma llei se addannà cquanto je pare,
c’avanti che ffiorischi sta su’ rosa,
eh, cc’è da fichi-fà, ssora commare!

 

10 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License