Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2058. La portrona nova

 

M’arimanna cqua llei, mastro Matteo,
a ccantavve la solita canzona:
si jje sbrigate mai quela portrona
foderata compaggnar canapèo.

 

Provamosce un tantino er culiseo.
Ah bbenemio che ppacchia bbuggiarona!
Nun ce la er zofà cche la padrona
ce voleva accuccià Ggiuseppebbreo.

 

Co sta razza de mobbili a ppalazzo,
che mmaravijja poi si a li siggnori
je viè la vojja de nun ppiú un cazzo?

 

Viva la faccia de chi ccià cquadrini!,
che pponno sfeghetà li servitori
co le chiappe tramezz’a sti cusscini.

 

10 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License