Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2061. Li casotti novi

Sonetti 2

 

Er bussolotto novo a SsantUstacchio
c’avete fatto lei, sor Archidetto,
accusí ppoco fonno e accusí stretto
pe Ppasqua-bbefania nun zerve un cacchio.

 

Chiuso, abbasta de méttesce un pennacchio
perché ppari un giaccò dduffizzialetto;
e uperto cosa sc’è, ssia mmaledetto?
otto bbusci da vénnesce l’abbacchio.

 

Disce: «Ma cquelli antichi ereno vecchi!».
E nun potevio fàlli novi e ggranni?
Vedi che bber parlà da mozzorecchi!

 

stati bbene quelli pe ttantanni;
e ppe la fernesia de vvertecchi
vve state a pijjà ttutti staffanni!

 

18 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License