Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2064. Er proveditore de Sant’Ann’in borgo

 

Poi bbisoggna penzà, ffratel Mattia,
che ppe li scinqu’o ssei de stantro mese
ce toccheno cqui a nnoi le sette cchiese.
Voressivo lassà stopera pia?

 

S’ha ddunque d’avvisà la Compaggnia
pe ppoté rregolasse ne le spese;
e intanto vvení da Maccarese
la ppiú mmejjo vitella che cce sia.

 

S’ha ppuro da scrive a Vviggnanello
per zolito bbaril de vinassciutto,
e pper un antro o ddua ppiú ttonnarello.

 

Perch’io poi nun voría trovamme bbrutto;
ché ppe sta divozzione io , ffratello,
quer c’ha la bbêga de provede a ttutto.

 

26 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License