Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2069. La mojjetta de bbon core

 

«E a mmé mme sa mmillanni un’antra cosa».
«E sta cosa ch’edè?» «Nun pòzzo díllo».
«Perché nu lo pòi ? ddimmelo, Rosa».
«Che mme schiatti quer porco de Cammillo.

 

Si Ddio me fa sta grazzia, senti, sposa,
do ffoco a ccasa: vojjo uno strillo.
Vojjo maggnàna frittata roggnosa
e bbravi maccaroni cor zughillo».

 

«E pperché ha da crepà cquer poveretto
«Perch’è un birbone, perch’è un assassino,
perché mme mena e vvò stà ssolo a lletto».

 

«E ttu vvòi restà vvedova?» «Adascino:
sto sproposito, sposa, io nu l’ho ddetto».
«Ho ccapito: entra in posto er tu’ viscino».

 

26 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License