Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2071. La vecchia cocciuta

 

«Mamma», je discev’io sabbit’a otto,
«nun girate accusí: vvoi séte sorda».
Avevo da legalla cona corda?
Vorze usscí ssola, e scappò vvia de trotto.

 

Bbe’, a la svortata llí de Palaccorda,
ce s’incontrò a ccavallo un giuvenotto:
lei nu l’intese a ttempo, aggnede sotto,
e, inzin che ccampa, sse n’aricorda.

 

Inzin che ccampa, , cquella è ccapasce
de stà inchiodata in d’un fonno de letto:
me sce mmessa ggià llanim’in pasce.

 

E ccome se n’usscí cquer pasticcetto?
Cor un povera donna e un me dispiasce
cacciò la bborza e jje bbuttò un papetto.

 

26 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License