Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2078. Er bon core de don Cremente

 

Me fo sposo, Taddeo. Quer zantarello
der confessore mio, quer don Cremente,
me ppe mmojje una su’ pinitente,
ch’io nun ho vvisto mai gruggno ppiú bbello.

 

Lui m’ha ddetto accusí: «Ssentime, Lello,
tu azzecchi propio un’anima innoscente.
Sposela, fijjo, e nun rifrètte a ggnente,
ché ppenzo a ttutto io: puro a l’anello».

 

Eppoi ciòpre una bbrava bbotteguccia
per ingeggnacce inzieme io e la sposa,
e cconzervacce la nostra robbuccia.

 

Tratanto ggià ccomincia a ffà le spese,
perc’ha una gran premura che la cosa
se pòzzi striggne, ar piú, ppe stantro mese.

 

28 dicembre 1844

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License