Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2079. Er talentaccio de casa

 

Tant’è: quell’abbatino co li guanti
de capicciòla co l’orletto rosso,
quello è mmifijjo; e ttièna cacca addosso
da rídesene ggià de tanti e ttanti.

 

E io pe pparte mia fo cquer che pposso,
si mmariessce, pe ttirallo avanti;
sibbè mmabbino detto tutti quanti
c’a li latini è ggià un pezzetto grosso.

 

Conosscete er libbraro er zor Urèli?
Bbe’, ddisce lui che cqueli bboni frati
già mme l’hanno passato a li Corneli.

 

Nun ha inzomma vent’anni terminati,
e ggià ssa cche vvò ddí Januva-sceli,
Santa-santoro e Ddommine-covati!

 

28 dicembre 1844

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License