Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2082. La fijja stroppia

 

Ce sarvò ppe mmiracolo la pelle,
povera fijja! Ma arimase zzoppa;
e adesso me sta llí ccom’una pioppa,
o sse strascina un po’ cco le stampelle.

 

Er vento a nnoi nun ce va ssempre in poppa
come va a le siggnore. Sibbè a cquelle
le gamme je diventeno sciammelle,
cianno bbona carrozza che ggaloppa.

 

Una siggnora, in qualunque disgrazzia,
co li quadrini presto se la sbriga,
ché sibbè nnun lavora è ssempre sazzia.

 

Ma a nnoi povera ggente che cce resta,
si la man der Ziggnore sce gastiga?
De striggne l’occhi e ddinchinà la testa.

 

29 dicembre 1844

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License