Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2083. La robba trovata

 

Nun zai la novità? Jjerzera, quanno
te lassai llí a la Pasce all’osteria,
pijjai dritto, pijjai, pe ccasa mia,
dove tiengo un strapunto ar mi’ commanno.

 

E mme n’annavo cantanno cantanno
un’aria der ronnò dde la Luscìa,
quann’ecco a l’immoccà nne la Corzia
vedde in terra un zocché ddrent’in un panno.

 

Azzécchesce ch’edèra? Un ber cappone.
E stammatina io me lo ppelato,
l’ho arrostito, e cciò ffatto colazzione.

 

In quant’ar panno poi, ch’era stracciato,
acciò vvedessi de trovà er padrone
l’ho pportato a la serva der curato.

 

30 dicembre 1844

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License