Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2086. Er cariolante de la Bbonifiscenza

 

ssariscava a Ccampidojjo; e, amico,
ggià ssò dduvorte o ttre cche ccianno provo.
Ma io, pe pparte mia, poco me movo,
perch’io nun ppiú io quanno fatico.

 

E lo sapete voi cosa ve dico
de tutti sti sfrantumi c’hanno trovo?
che mmànneno a ffà fotte er monno novo,
pe le cojjonerie der monno antico.

 

Ve pare un ber proscede da cristiani
d’empí de ste pietracce oggni cantone
perché addosso ce pisscino li cani?

 

Inzomma er Zanto-padre è un gran cojjone
a ddà rretta a stArcòggioli romani
c’arinegheno Cristo pe Nnerone.

 

3 gennaio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License