Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

57. L’aducazzione

 

Fijjo, nun ribbartà1 mmai Tata tua:2
abbada a tté, nnun te mmette sotto.3
Si cquarchiduno te viè a ddà un cazzotto,3a
ccallo callo4 tu ddàjjene dua.

 

Si ppoi quarcantro porcaccio da ua5
te sce fascessi6 un po’ de predicotto,
dijje: «De ste raggione io me ne fotto;
iggnuno penzi a li fattacci sua».7

 

Quanno ggiuchi un bucale a mmora, o a bboccia,8
bbevi fijjo; e a sta ggente bbuggiarona
nu ggnene rrestà9 mmanco una goccia.

 

D’esse10 cristiano è ppuro11 cosa bbona:
pecquesto12 hai da portà ssempre in zaccoccia
er cortello arrotato e la corona.

 

Roma, 14 settembre 1830 - De Pepper tosto

 

 




1 Ribaltare, in senso attivo: «ismentire, rinnegare, far torto».

2 Tuo padre.

3 Non ti far soperchiare.

3a Ti viene a dare un pugno.

4 Caldo caldo: immediatamente.

5 Porco da uva.

6 Ti ci facesse.

7 Ognuno pensi ai fattacci tuoi.

8 Alla mora o a boccia.

9 Non fargliene restare.

10 D’essere.

11 Pure.

12 Perciò.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License