Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2087. Li scrupoli de li mi’ stivali

 

Nun dico bbene? Pe cquattro bbijjetti
de Libberti se pìa tutte ste pene,
e cce se scalla er zangue in ne le vene!
Preti: nun dico bbene eh sor Ferretti?

 

Che! cce commanna er diavolo a le sscene,
a li bbanchi, a l’orchestra e a li parchetti?
Er diavolo nun penza a cciufoletti:
penza a le bbirberie: nun dico bbene?

 

Chi ccià scrupolo, arresti a ccasa sua:
ma sse stii zzitto si cciannamo noi:
nun dico bbene? Eh ssì, ssangue d’un dua!

 

A la commedia ce annà cchiunque:
nun dico bbene, sor Ferretti? Eppoi
ce vanno puro li prelati: dunque...

 

3 gennaio 1845

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License