Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2091. Er zervitore novo

 

Quanno lei me mannò co cquelinguille
da quer tar Cardinale su’ parente,
me disse: va’ in bescille;1 e ttiengo a mmente
le parole e ’r zuatto in proferìlle.

 

Bbe’, cquanno j’ho pportato oggi le spille,
ner dimannajje si vvoleva ggnente,
m’ha arifatto quell’atto istessamente
e mm’ha aridetto poi: va’, vva’ in bescille.

 

Dove sta sto bbescille? drento, fori,
in piazza, pena strada, ggiú ppe un vicolo?...
Vall’a intenne er parlà de li Siggnori!

 

Ar zervizzio nnovo io, sor Vitale.
Pe annà in bescille ce saría pericolo
c’avessi da tornà ddar Cardinale?

 

3 gennaio 1845

 




1 «Va’ imbecille».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License