Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2092. La libbertà de cammera sua

 

Doppo pranzo er mi’ gusto quarche vvorta,
mentr’er compaggno mio scopa e sparecchia,
è de guardà la padroncina vecchia
dar buscio-de-la-chiave de la porta.

 

Ah che rride! E sse specchia, e ssarispecchia,
e ffa gghignetti co la bocca storta,
e sse dipiggne la pellaccia morta,
e sse ficca un toppaccio in un’orecchia...

 

Poi se muta li denti e la perucca,
se striggne er busto pe ffà ccressce er petto,
se nínnola, s’allisscia, se spilucca...

 

E fra tutte ste smorfie e antre mille
se bbutta sur zofà ccor caggnoletto
e cce fa cose ch’è vvergoggna a ddille.

 

3 gennaio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License