Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2094. L’innurto novo

 

Sentite? Pe un antranno, ha ddetto er frate,
meno che ccor zalame e ccor presciutto
se conní ccollonto e cco lo strutto,
puro ne le viggijje commannate.

 

E er Papa dirà ppoi quarche ffrabbutto
che nun penza antro lui c’a bbuggiarate!
Ma nun infamità da cannonate?
Quer povero sant’omo penza a ttutto.

 

Disce: «Ma a le miserie nun ce penza».
E vve pare, pe ddio, che ppenzi a ppoco,
si cce slenta le majje a la cusscenza?

 

L’antre cose vieranno a ttemp’e lloco;
ché ttuttassieme poi nun è pprudenza
de volé mmette tanta carne ar foco.

 

5 gennaio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License