Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2096. Pasqua bbefania

La notte de pasqua bbefania

 

«Mamma! mamma!». «Dormite». «Io nun ho ssonno».
«Fate dormí cchi ll’ha, ssor demonietto».
«Mamma, me vojjarzà». «Ggiú, stamo a lletto».
«Nun ce posso stà ppiú; cqui mme sprofonno».

 

«Io nun ve vesto». «E io cchiamo Nonno».
«Ma nun è ggiorno». «E cche mmavevio detto
che cciamancava poco? Ebbè? vvaspetto
«Auffa li meloni e nnu li vonno!».

 

«Mamma, guardat’un po’ ssi cce se vede
«Ma tte dico cch’è nnotte». «Ajo!». «Ch’è stato
«Oh ddio mio!, m’ha ppijjato un granchio a un piede».

 

«Via, statte zzitto, attizzo er lumino».
«, eppoi vedete un po’ cche mm’ha pportato
la bbefana a la cappa der cammino».

 

6 gennaio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License