Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2098. Le devozzione de la padrona

 

Uh a pproposito, Peppe, de toletta,
sai? domatina svejjeme a bbonora,
c’ho da chiamà ppiú ppresto la siggnora,
che vvò annà a cconfessasse in parrocchietta.

 

Volevo dítte un’antra cosa... ah, aspetta:
da’ un zompo cqui da Marta la sartora,
che llei pe mmezzanotte, o ddrent’o ffora,
llabbito, o ddiventa una saetta.

 

Poi tu a ddiesciora trovete vistito
in riverea, pe accompaggnalla in chiesa
avanti che sse svejji su’ marito.

 

Portata che cce l’hai, viettene via:
lassela puro, e ttu vva’ a ffà la spesa;
ché ar ritorno scià un’antra compaggnia.

 

10 gennaio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License