Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2099. Er predicatore de chiasso

 

Sor mastro, ho inteso er gran predicatore
c’adesso fa ammattí tutta la ggente;
e ssi ho da divve quer che ssento in core,
a mmé nun m’è ppiasciuto un accidente.

 

Sta tteso-teso, nun ze move ggnente,
nun za li testi de ggnisun utore,
dura troppo, ha una vosce piaggnolente
che ppare un gatto quanno fa l’amore...

 

Ma cc’è de peggio, e ppeggio assai, sor mastro:
ché ssi sseguita a ddí ccerte resie,
sto sor abbate vo ffiní a l’incastro.

 

Disce che Ggesucristo è statebbreo;
e ppe ffiní de in cojjonerie
va spaccianno c’Abbramo era un cardeo.

 

10 gennaio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License