Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2104. [Er volo de Simommàgo]

 

Vorà ddunque soffrí Ppapa Grigorio
c’a un tesoriere suo tanto fedele
nun jarrestino manco le cannele
da chiamà cquattro frati ar zumortorio?

 

Levajje er frullonaccio, omo crudele,
che cciannò in fiocchi a Ssan Pietro-Montorio!
e ppochi scenci cqui a Mmontescitorio!
e ddugalanterie llà a Ssan Micchele!

 

Finarmente che ha ffatto, poverello?
Ha ttrovo, quann’è entrato, un mascelletto,
e llui l’ha ffatto diventà un mascello.

 

De llui cosa ddisse, poveretto?
Gnentantro ch’è un gran omo de scervello,
e cche ttiè un core da romano in petto.

 

13 gennaio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License