Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2105. [Er volo de Simommàgo]

 

Gnisuno ha detto mai che SsuEminenza
abbi da la fin de Bbonaparte.
Lui nun je chiedenantro che le carte,
e pper resto sc’è er Papa che cce penza.

 

E cchi cce se darebbe a la bbellarte
de pagà ssempre e de pijjà a ccredenza,
co sto risico poi de restà ssenza
quarche straccetto che mmettessi a pparte?

 

Ma avessi puro minestrato male,
vojjo vedé chi jje faría l’affronto
de toccajje una vesta d’urinale.

 

Fra un cardinale e nnoi sc’è un ber confronto!
Qualunque imbrojjo facci, un cardinale
ha er privileggio de nun renne conto.

 

13 gennaio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License