Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2106. Lo svejjatore

 

Ma er piú ggranne tra ttutti li tormenti
è de bbussà a la ggente avanti all’arba.
Nun ne trovate uno che jjaggarba.
In sto punto che qui ttutti scontenti.

 

Quello opre la finestra, e ssu la bbarba
ve manna una sfilata d’accidenti.
Questo ve fa ccertantri comprimenti
cor un voscione che nnemmanco Jarba.

 

Tutti, o spezziali, o mmedichi, o mmammane,
o ccerusichi, o ppreti, o vviaggiatori,
ve tratteno, per dio, peggio d’un cane.

 

Li mejjo li frati, amico caro;
che ppòi crepà de freddo o de dolori
prima che ttarisponni er portinaro.

 

14 gennaio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License