Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2107. Er padrone bbona memoria

 

È ito in paradiso, poveretto!
Stammatina in zur de tredisciora
è arimasto llí in braccio a la Siggnora
ner rivortallo pe aggiustajje er letto.

 

Che sturbo! Lo capisco, era un pezzetto
che ssaspettava de vedella fora;
ma cquanno semo llí, ssora Todora...
bisoggneria nun avé ccore in petto.

 

Bbasta, , sposa mia, v’ariccommanno
de dijje ar meno una requiameterna
e de vení ar mortorio che jje fanno.

 

Ma cche vve dite convurzione interna
si cquello è mmorto parlanno parlanno!
Eh nun c’era piú ojjo a la luscerna.

 

14 gennaio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License