Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2108. L’editto de novidea

 

«Ma cche vvojji èsse vero, eh Sarvatore,
quer che ddisceva er zervitor de Quajja,
de steditto ch’è usscito a Ssinigajja
su li rigali de chi ffa l’amore

 

«Sēntime: quello sta cco un Monziggnore
che in ne la sala sua poco se sbajja.
Eppoi nu lo sa ppuro sta canajja
de spie de Monziggnor Governatore

 

«Ma dunque chi ssarà sto spaccamonte,
c’ha ccacciato sta lègge scojjonata
«A. M. Cardinal Vescovo e Conte».1

 

«Vescovo a Ssinigajja io da regazzo
ciò vvisto er Cardinal Testaferrata».
«E mmó cc’è er Cardinal Testadecazzo».

 

15 gennaio 1845

 




1 Il cardinal A. M. Cagiano.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License