Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2109. Er testamento der bizzoco

 

Schiattò ppoi luneddí bbrutto vecchiaccio.
Oh cquello in paradiso nun c’è ito.
Cià ppenzato er zor Padre Ggesuito
a mmannallo de bbotto a l’infernaccio.

 

, a l’infernaccio carzat’e vvistito:
nun me faccio confonne, nun me faccio.
Lassà tutto a un convento, e mmanco un straccio
a li parenti che llhannassistito!

 

Bbisoggna cc’avessi gran peccati
e cche ccredessi ar Padre cappellone
de lavalli cor brodo de li frati.

 

Gnente: ’na lasscituccia a un logo-pio
che vve facci e nno cquarcorazzione:
poi la robba a cchi vva, llanima a Ddio.

 

16 gennaio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License