Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2110. Lo scaricabbarili der Governo

 

Ce penzeranno lòro: ècco sti Santi
cos’hanno sempr’in bocca, per dio d’oro!
E cco sto bbèr ce penzeranno lòro
intanto cqui nnun ze annà ppiú avanti.

 

Ma sti lòro chi ssò, ssi ttutti quanti
nun fannantro cqui ddrento c’un lavoro
de dormí, mmaggnà e bbeve, e ccantà in coro?
Di’ sti lòro chi ssò? llappiggionanti?

 

Si le cariche a Rroma l’hanno tutte
li portroni, sti lòro dove stanno?
Dove stanno sti lòro? in Galigutte?

 

Sai come va a ffiní? ffinissce poi
che ssi sti lòro nun ce penzeranno,
un po’ ppiú in cce penzeremo noi.

 

17 gennaio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License