Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2111. [Come va, Geremia?» «Sempre l’istesso»]

 

«Come va, Geremia?» «Sempre l’istesso».
«Ma inzomma che ccos’hai? cosa te senti
«Cos’ho? Er dolor de stommico: e accidenti
si nun vorrebbe cascà mmorto adesso».

 

«Eppoi nun z’ha da cquanto sei fesso
È da un mese mommó che tte lamenti
e invesce de pijjà medicamenti
t’ubbriachi oggni giorno un po’ piú spesso».

 

«Gnente: er vino fforza. Der restante,
nun zarò ppoier primoer ziconno
c’abbi l’ammalatie: ce ne ttante!».

 

«, mma se ponno arimedià, sse ponno.
Tu ddàmme retta: un bon rammaricante,
e vvederai si ttarimetti ar monno».

 

29 gennaio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License