Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2112. Li frati

 

Questo io voría sapé da starrabbiati
c’ar monno fraterie nun ce ne vonno:
come farebbe sto povero monno,
si vvenissi a rrestà senza li frati.

 

Chi sse snerba pe nnoi? chi pperde er zonno
pe ottenecce er perdon de li peccati?
chi lo porta er bambino all’ammalati?1


chi le smartissce le sarache e er tonno?

 

cquesti eh, ggiacubbinacci cani,
li portroni e le mmaschere? cquesti
l’impostori, l’arpie, li maggnapani?

 

Tutte bbusciarderie, tutti protesti.2
Li frati bbonissimi cristiani,
tutti servi de Ddio lésciti e onesti.

 

29 maggio 1845

 




1 Il miracoloso bambino degli zoccolanti di Ara-coeli.

2 Pretesti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License