Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2113. Le cose sue de la padroncina

 

Ggnente, Siggnora mia: nun ze ne pijji,
dii tempo ar tempo. Eppoi, ppiú de mi’ nonna,
che de vent’anni nemmanco era donna?
e ddopo fesce disciassette fijji.

 

Nun è la prima lei né la siconna.
Dunque che ccosa ttanti scompijji?
Lei bbadi a li mi’ poveri conzijji;
parli cor zempriscista a la Rotonna.

 

Vienuto quer negozzio che jje stenta,
la su’ fijja aritorna un zanguellatte,
je diventa una rosa, je diventa.

 

Cacci er medico, cacci, e stii tranquilla.
Questi cqui nun affari da miggnatte:
ce ddittimo-grego e ccapomilla.

 

2 giugno 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License