Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2116. Lo scortico de Campomarzo

 

Nun dubbità, cch’è ’na cosetta bbella
d’arillegràcce er Papa in concistoro!
È stato per Vicario un ber decoro
lo scropí ttantabbati in ciampanella!

 

Bber gusto d’annà a smovena quarella
a sti poveri preti, pe ddio d’oro,
che sse ne stanno pe li fatti lòro
svariannose co cquarche pputtanella!

 

Doppo ch’Iddio lo sa cco cquanto zzelo
minestrano li santi sagramenti,
je s’abbi da invidià cquer po’ de pelo!

 

Pe mmé, mmorino tutti d’accidenti,
ma indove lo trovate in ner Vangelo
che provibbischi er pane a cchi ha li denti?

 

20 luglio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License