Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2117. Le regazzate de li Romaggnoli

 

Semo inzomma da capo, eh sor Zirvestro,
co sti romaggnolacci de Romaggna?
Ma sta porca gginía de che sse laggna
c’oggni tantino jaripijja l’estro?

 

È ’na cosa ch’io propio sce sbalestro!1


Lamentasse,2 pe ddio, de sta cuccaggna!
Che spereno de ppiú? de vive a uffaggna?3
de mette er zanto-padre in d’un canestro?

 

Nun cianno4 come nnoi cchiese, innurgenze,
preti, conforterie, moniche, frati,
carcere, tribbunali e pprisidenze?

 

Nun c’è ggiustizzia llà ccome che cqui?
Ma vvia, propio sti matti sgazzarati
se moreno de vojja de morí.

 

30 settembre 1845

 




1 Ci perdo il senno.

2 Lamentarsi.

3 A ufo.

4 Non ci hanno: semplicentente non hanno.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License