Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2118. Er passetto de Castel-santangiolo

 

Lo vòi sapé cchedè cquer corritore
che, ccuperto cqua e llà dda un tettarello,
da San Pietro va ggiú ssin a Ccastello,
dove tira a le vorte aria mijjore?

 

tte lo dico in dubbattute: quello
lo tiè pper uso suo Nostro Siggnore,
si mmai pe cquarche ppicca o bbellumore
je criccassi de a nnisconnarello.

 

Drent’a Ccastello ggiucà a bbon gioco
er Zanto-padre, si jje fanno spalla
uno pe pparte er cantiggnere e er coco.

 

E ssotto la bbanniera bianca e ggialla
ddà commidamente da quer loco
binedizzione1 e ccannonate a ppalla.

 

17 dicembre 1845

 




1 Benedizioni.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License