Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2119. Li sordati

 

Dico: «Facci de ggrazia, sor don Zisto,
lei che ste cose deve avelle intese:
quanno stava cquaggiú, trallantre spese
manteneva sordati Ggesucristo?

 

Perché», ddico, «lei sa ccher monno tristo
critica er zuVicario a sto paese,
che a ccasa e ppe le strade e in ne le cchiese
senza sordateria nun z’è mmai visto».

 

«Fijjo», disce; «voi sete un iggnorante,
e nun zapete come li peccati
hanno fatto la cchiesa militante.

 

Pe cquesto ir papa ha li sordati sui;
e ssi Ccristo teneva li sordati
sarebbe stato mejjo anche pe llui».

 

25 dicembre 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License