Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2122. Er morto ingroppato1

 

«Chi? er morto? Er morto stava bbene assai:
quello è un mortuccio ricco, e nnun cojjona».
«E a cchi ha llassato?» «A Ttuta la bbuzzona».2
«A la mojje?! » «A la mojje: e nnu lo sai

 

«Come! a la mojje, e nnun c’è stato mai!3
A cquella bbrutta porca bbuggiarona?!»
«Ma, in fonno, jera mojje bell’e bbona,
e mmó è l’arède sua: nun ce gguai».4

 

«Ecco er perché, mmaggnanno le castaggne,
ha ddetto a Mmeo: “Nun vojjo ppiú ggnente:
nun vojjo ppiú ar monno antro che ppiaggne”.

 

E infatti nun ha ttorto un accidente.
Quann’uno ha bbone rúzziche da sfraggne,5
stà in ozzio e ppò ppiaggne alegramente».

 

2 gennaio 1846

 




1 Dovizioso.

2 Pingue, ma di una flaccida adiposità.

3 Non c’è stato mai unito.

4 Non v’è replica.

5 Denari da spendere. Il disco da giuoco in Roma dicesi rùzzica, il qual nome viene anche applicato alle monete (e specialmente alle grandi) per la loro figura.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License