Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2125. Er paneriggico de san Carlo

 

Bburli o ddichi davero, Ggiuvenale?
A la predica ha detto don Matteo
c’a sto monno san Carlo Bboromeo
è stato a li su’ tempi cardinale?!

 

Me fa ppiú spesce sta notizzia tale,
che la scappata de Ggiuseppebbreo:
me saría creso ppiú ccher Culiseo
fussi un giorno una vesta d’urinale.

 

Un cardinale è stato bbono tanto?!
Un cardinale ha ccreso tanto in Dio?!
Un cardinale è ddiventato santo?!

 

Tu jje dai retta, Ggiuvenale mio?
Si lo disce, eh, ssarà: mma mmó ttratanto
un cardinale è ppeggio d’un giudio.

 

5 gennaio 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License